Google+

Tra i lavori di ammodernamento degli spazi abitativi, il lavoro più sottovalutato e procrastinato di tutti è quello della sostituzione degli infissi. In realtà dovrebbe essere il primo pensiero quando si affrontano tali lavori. Gli infissi col passare del tempo, infatti, perdono di qualità non solo da un punto di vista estetico ma anche e soprattutto da un punto di vista di efficienza. Nelle finestre datate si verificano con più facilità infiltrazioni d’aria che abbassano le temperature interne all’abitazione, ma soprattutto, si disperde il calore generato dal riscaldamento della casa causando un danno economico dato lo spreco di corrente e gas.

Il mondo degli infissi negli ultimi anni ha trovato numerosi soluzioni adatte a soddisfare tutte le esigenze, quelle che hanno riscontrato maggior successo sono soprattutto gli infissi in PVC, legno, alluminio e materiali misti.

Infissi in PVC: Il PVC, o più specificatamente polivinilcloruro, è uno dei materiali plastici più utilizzati al mondo ideale per la sua versatilità. Questo materiale assicura una prestazione elevata a bassi costi, inoltre è un ottimo isolante termico e acustico, resistente, durevole, igienico e riciclabile. La caratteristica principale che ne ha premesso la diffusione è sicuramente l’elevata impermeabilità, infatti le finestre in PVC sono le meno soggette alle infiltrazioni d’acqua. Nel corso dei test questa tipologia di infissi ha dimostrato anche un’ottima resistenza al vento, fattore che sommato all’impermeabilità ha reso il PVC ideale per le zone marine. Un ultimo vantaggio, che ne abbatte i costi, è rappresentato dal fatto che gli infissi in PVC non necessitano di una grande opera di manutenzione.

Infissi in Legno: Gli infissi in legno rappresentano la scelta migliore per quanto riguarda il senso di calore e di casa che generano all’interno di un’abitazione, al contrario di quelli in PVC o alluminio. Il costo è superiore a quelle realizzate in PVC ma gli infissi in legno garantiscono un maggiore rendimento per quanto riguarda l’isolamento acustico e termico. Inoltre, le nuove tecnologie di produzione hanno reso questi infissi più resistenti agli agenti climatici, aumentandone la durata della vita fino a 50 anni dall’installazione. Fondamentale è il tipo di verniciatura, ecologica e diluibile con l’acqua, che protegge il legno dai raggi UV, dai funghi e dai batteri. Il legno permette anche la naturale traspirazione dell’ambiente contribuendo a evitare l’insorgere della muffa.

Infissi in alluminio: Gli infissi in alluminio sono i più costosi tra le tipologie presentate finora. Esse però hanno una durata maggiore, possono raggiungere anche i 60 anni dopo l’installazione. La forte resistenza agli agenti cimatici e l’ottimo rapporto tra resistenza e peso, il tutto condito dalla facilità di manutenzione, hanno reso gli infissi in alluminio ideale per gli esercizi commerciali.  Per le abitazioni gli infissi in alluminio per l’isolamento termico, offrono la soluzione del taglio termico. Il taglio termico consiste nell’inserimento di alcune barre di poliammide miste a fibre di vetro sia nel telaio fisso che in quello mobile, evitando così la dispersione della temperatura interna e le infiltrazioni d’aria provenienti dall’esterno.

Infissi in materiali misti: L’utilizzo dei materiali misti si può ricondurre principalmente alla commistione tra il legno e l’alluminio. Questa soluzione offre il miglior isolamento termico abbinandolo alla soluzione estetica che il legno offre negli spazi abitativi, sicuramente migliore rispetto a quella offerta dall’alluminio. Per questi motivi le soluzioni in alluminio-legno sono quelle più costose  a offrono un livello qualitativo difficilmente raggiungibile dalle altre.

Anche l’installazione di nuovi infissi è soggetta alla detrazione fiscale solo se essi riqualifichino energeticamente l’immobile. La detrazione fiscale è del 50%, entro un certo limite di spesa, e come per le detrazioni fiscali sui lavori di ristrutturazione, per ottenerla i pagamenti devono essere effettuati tramite bonifico e bisogna consegnare all’ENEA (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile) entro 90 giorni dal termine dei lavori.

 

Se siete interessati a sostituire gli infissi non esitate a contattarci!